"Luoghi di speranza, testimoni di bellezza" è il tema che accompagnerà la Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera e Avviso Pubblico in collaborazione con la Rai.

Il 21 marzo 2017 la "piazza" principale sarà Locri, ma la Giornata si svolgerà, contestualmente in oltre 4000 luoghi diffusi in ogni parte d'Italia e in alcuni luoghi dell'Europa e dell' America Latina, dove la Giornata verrà vissuta attraverso la lettura dei nomi delle vittime con momenti di riflessione e approfondimento.

Per ogni Regione  è stata scelta una città simbolo, che sarà idealmente collegata a tutti i luoghi e le realtà nella Regione (associazioni, scuole, aziende…) che non potessero recarsi nella città principale. La città sarà collegata con le città principali delle altre regioni e con Locri.

Per il Veneto la piazza principale della “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”sarà Verona. Ci fermeremo insieme al resto d’Italia per ricordare le oltre novecento vittime innocenti delle mafie con la lettura dei loro nomi e farci portavoce di una richiesta di verità e giustizia.

La scelta di Verona quale città simbolo per il Veneto è dettata dalle criticità conseguenti la conclamata presenza della criminalità organizzata in quel territorio. Verona è oggi drammaticamente esposta su vari livelli agli interessi e alla presenza delle mafie.

Verona, città bella e fragile, non sarà una declinazione territoriale, sarà il racconto del Veneto, dove far sorgere il bene, dove saranno espressi la bellezza e la speranza, percorrendo Corso Porta Nuova e fermandosi in Piazza Bra. Anche nel nome, Piazza Bra riporta al tema della Giornata e al collegamento ideale con Locri. Bra, parola di origini longobarde declinata in vari modi nella Pianura Padana (Braida, Brera, Breda…) significa “campo suburbano coltivato a prato”. Luogo di bellezza e di incontro.

E’ lì, pertanto, che dobbiamo pubblicamente ricordare a noi stessi ed ai nostri concittadini la necessità, una volta di più, di un impegno condiviso nella lotta alle mafie, rifuggendo dall’adottare scelte basate su logiche che non ci appartengono.

La Giornata della memoria e dell’impegno è prevista anche dalla Legge Regionale 48 del 28 dicembre 2012. Occorre precisare che la Regione Veneto ha deciso, insieme ad Avviso Pubblico, di promuovere a Vicenza la celebrazione della Giornata. Auspichiamo che  si voglia inserire l’iniziativa nel contesto dei “quattromila luoghi di speranza” che simultaneamente il 21 marzo ricorderanno le oltre novecento vittime innocenti delle mafie.

Vi invitiamo a condividere il percorso di avvicinamento al 21 marzo, e a partecipare alla Giornata di Verona.

 

Da questo sito di servizio si possono scaricare la guida proposta da Libera, la circolare del MIUR, e altri documenti utili..

Si prega di compilare il modulo in allegato, indicando eventuali richieste e suggerimenti, e di inviarlo con sollecitudine, per organizzare al meglio il percorso e la Giornata.

La restituzione del modulo sarà utile anche per le scuole che per diversi motivi o impegni improrogabili non potranno sospendere le loro attività per partecipare all'appuntamento regionale.

Chiediamo loro di essere uno dei quattromila luoghi del 21 marzo, esponendo il materiale comunicativo, fermandosi insieme al resto d’Italia per ricordare le vittime innocenti delle mafie.

Tutte le adesioni e le iniziative saranno pubblicate sul sito di Libera.

 

 

 

 Scarica la Circolare del MIUR: MIUR.AOODGSIP.REGISTRO UFFICIALE(U).0000253.19-01-2017

 

 

 

 

vedi anche: Orizzonte Scuola